Discussione:
per chi vive al sud
(troppo vecchio per rispondere)
wyattearp
2006-10-20 19:35:51 UTC
Permalink
spesso mi capitadi leggere o sentire che l'italia ha il parco auto
circolante trae i piu' vecchi d'europa: guardandomi intorno (toscana)
mi viene da pensare che quelli che fanno le statistiche si siano bevuti
il cervello:molti mi fanno notare pero' che questo risultato è dato
dalla media del centro-nord che ha un parco abbastanza recente ed il
sud che ha un circolante molto vecchio: non essendoci mai stato vi
chiedo: è vera 'sta cosa?
iltipoconlatipo
2006-10-20 20:26:15 UTC
Permalink
Post by wyattearp
spesso mi capitadi leggere o sentire che l'italia ha il parco auto
circolante trae i piu' vecchi d'europa: guardandomi intorno (toscana)
mi viene da pensare che quelli che fanno le statistiche si siano bevuti
il cervello:molti mi fanno notare pero' che questo risultato è dato
dalla media del centro-nord che ha un parco abbastanza recente ed il
sud che ha un circolante molto vecchio: non essendoci mai stato vi
chiedo: è vera 'sta cosa?
Non lo so. Ti posso dire il parco auto sotto casa mia:
-Fiat Tipo 1989 (la mia)
-Fiat Seicento 1999
-Renault Megane 2004
-Fiat Tipo (non mia) 1990???
-VW Golf III GTI 1993???
-Fiat Punto 1996-1998
-Fiat Bravo 1998 ??
A parte la Megane sono tutte auto con almeno una decina d'anni sulle spalle

Per strada vedo un sacco di Fiat Uno, Opel Corsa , vecchie Passat, ma anche
Mercedes e BMW nuovi di pacca. Per cui non saprei.

-------------------------------------------------
Fiat Tipo 1.1 dgt Proud Driver

human abs&asr dotated

Il mio blog http://iltipoconlatipo.blogspot.com/
wyattearp
2006-10-20 21:02:32 UTC
Permalink
Post by iltipoconlatipo
Post by wyattearp
spesso mi capitadi leggere o sentire che l'italia ha il parco auto
circolante trae i piu' vecchi d'europa: guardandomi intorno (toscana)
mi viene da pensare che quelli che fanno le statistiche si siano bevuti
il cervello:molti mi fanno notare pero' che questo risultato è dato
dalla media del centro-nord che ha un parco abbastanza recente ed il
sud che ha un circolante molto vecchio: non essendoci mai stato vi
chiedo: è vera 'sta cosa?
-Fiat Tipo 1989 (la mia)
-Fiat Seicento 1999
-Renault Megane 2004
-Fiat Tipo (non mia) 1990???
-VW Golf III GTI 1993???
-Fiat Punto 1996-1998
-Fiat Bravo 1998 ??
A parte la Megane sono tutte auto con almeno una decina d'anni sulle spalle
decisamente piu' vecchio. ci sono dei quartieri dalle mie parti dove la
maggioranza delle auto ha dieci.......... mesi
Mollan
2006-10-22 18:54:13 UTC
Permalink
On 2006-10-20 22:26:15 +0200, "iltipoconlatipo"
Nel mio palazzo:

Golf 5 2.0tdi
Golf Plus 1.9tdi
Golf 4 1.9 130cv
Megane 1.9 Dci
CLK 320cdi cabrio
ML 320cdi
Golf 3 GT
Mondeo 2.0cdti (credo)
Renault Kangoo
--
Designed by Apple in California

Mollan (140/20/MB)

Alfa 147 Cup Sport
Bmw 320d Touring M-Pack

Orgoglioso di Essere Bianco e Brianzolo.
wyattearp
2006-10-22 19:54:29 UTC
Permalink
Post by Mollan
On 2006-10-20 22:26:15 +0200, "iltipoconlatipo"
Golf 5 2.0tdi
Golf Plus 1.9tdi
Golf 4 1.9 130cv
Megane 1.9 Dci
CLK 320cdi cabrio
ML 320cdi
Golf 3 GT
Mondeo 2.0cdti (credo)
Renault Kangoo
sticazzi
duglia
2006-10-22 20:03:43 UTC
Permalink
Il mio:

Mini One D (2003)
Ford Fiesta (10/2006)
Yaris TS (2005)
WV Fox (2006)
Nissan Pick-up(?) (2005)
Opel Astra Sw (2005)
Bmw 320d(2006)
Suzuki G. Vitara (2002)
Renault Espace (2006)
Peugeot 206 (2002)
--
(20, 95, SV)
Rodolfo
2006-10-20 21:44:16 UTC
Permalink
Post by wyattearp
spesso mi capitadi leggere o sentire che l'italia ha il parco auto
circolante trae i piu' vecchi d'europa: guardandomi intorno (toscana)
mi viene da pensare che quelli che fanno le statistiche si siano bevuti
il cervello:molti mi fanno notare pero' che questo risultato è dato
dalla media del centro-nord che ha un parco abbastanza recente ed il
sud che ha un circolante molto vecchio: non essendoci mai stato vi
chiedo: è vera 'sta cosa?
Io solo una cosa non riesco a capire: cosa è bene e cosa è male? Io, da buon
ecologista penso che è meglio che ci siano molte auto vecchie in
circolazione, mentre invece secondo l' opinione pubblica (ovvero voi) è
meglio il contrario. Il mondo è proprio nato capovolto.
Paolo Tramannoni
2006-10-20 22:40:02 UTC
Permalink
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?

Ciao,
Paolo
duglia
2006-10-21 00:07:13 UTC
Permalink
Post by Paolo Tramannoni
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
Significa che almeno le autodemolizioni del sud non sono piene di auto che
erano si e no a metà della loro vita.
--
(20, 95, SV)
Rodolfo
2006-10-21 05:12:36 UTC
Permalink
Post by Paolo Tramannoni
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
No, che non si sprechi e inquini per costruirne nuove e smaltire le
"vecchie" (rigorosamente tra virgolette, visto che vedo girare auto di 40
anni e quindi non capisco come possa essere definita vecchia e gettata una
di 10), sicuramente MOLTO più di quanto avrebbero inquinato circolando fino
alla vera fine dei loro giorni (e non la fine modaiola).
Purtroppo il mondo si basa sull' economia, e tutti i discorsi sugli scarichi
delle auto utilizzano la scusa dell' inquinamento per scopo di lucro. Non si
vedrebbe alternativamente il motivo della tolleranza di veicoli superflui
quali ad esempio i suv, sicuramente più inquinanti di una 2cv. Non me ne
frega niente di marmitte e euro 4. + consumo=+inquinamento, è logica, non
stechiometria.
Ernesto
2006-10-21 09:22:33 UTC
Permalink
Ma dove vivi sulla Luna???

Secondo tè un suv inquina molto di più di una 2cavalli???

Di emissioni inquinanti,scusa,ma non ne capisci porpio niente....
Post by Rodolfo
Post by Paolo Tramannoni
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
No, che non si sprechi e inquini per costruirne nuove e smaltire le
"vecchie" (rigorosamente tra virgolette, visto che vedo girare auto di 40
anni e quindi non capisco come possa essere definita vecchia e gettata una
di 10), sicuramente MOLTO più di quanto avrebbero inquinato circolando fino
alla vera fine dei loro giorni (e non la fine modaiola).
Purtroppo il mondo si basa sull' economia, e tutti i discorsi sugli scarichi
delle auto utilizzano la scusa dell' inquinamento per scopo di lucro. Non si
vedrebbe alternativamente il motivo della tolleranza di veicoli superflui
quali ad esempio i suv, sicuramente più inquinanti di una 2cv. Non me ne
frega niente di marmitte e euro 4. + consumo=+inquinamento, è logica, non
stechiometria.
Rodolfo
2006-10-21 14:04:19 UTC
Permalink
Post by Ernesto
Ma dove vivi sulla Luna???
Secondo tè un suv inquina molto di più di una 2cavalli???
Di emissioni inquinanti,scusa,ma non ne capisci porpio niente....
Tu invece ne capisci? Ripeto che non me ne frega niente di marmitte
catalitiche ecc, che sono solo minimi palliativi. Se io brucio 2 litri di
benzina credo proprio che per logica creerò il doppio di molecole combuste
rispetto a che ne bruciassi 1, questa è logica non cazzate. Tu continua a
vivere nel pianeta GM-Shell.
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
Post by Paolo Tramannoni
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
No, che non si sprechi e inquini per costruirne nuove e smaltire le
"vecchie" (rigorosamente tra virgolette, visto che vedo girare auto di 40
anni e quindi non capisco come possa essere definita vecchia e gettata una
di 10), sicuramente MOLTO più di quanto avrebbero inquinato circolando fino
alla vera fine dei loro giorni (e non la fine modaiola).
Purtroppo il mondo si basa sull' economia, e tutti i discorsi sugli scarichi
delle auto utilizzano la scusa dell' inquinamento per scopo di lucro.
Non
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
si
vedrebbe alternativamente il motivo della tolleranza di veicoli superflui
quali ad esempio i suv, sicuramente più inquinanti di una 2cv. Non me ne
frega niente di marmitte e euro 4. + consumo=+inquinamento, è logica, non
stechiometria.
Ernesto
2006-10-21 19:07:54 UTC
Permalink
Non sono un esperto,ma una cosa e l'emissione di co2,cioè anidride
carbonica,che varia in base alla quantità di carburante bruciato.
Un altra cosa sono tutte le altre sostanze inquinanti che la combustione
crea.

Un auto euro4 inquina il 3% di un'auto non catalizzata.
Post by Rodolfo
Post by Ernesto
Ma dove vivi sulla Luna???
Secondo tè un suv inquina molto di più di una 2cavalli???
Di emissioni inquinanti,scusa,ma non ne capisci porpio niente....
Tu invece ne capisci? Ripeto che non me ne frega niente di marmitte
catalitiche ecc, che sono solo minimi palliativi. Se io brucio 2 litri di
benzina credo proprio che per logica creerò il doppio di molecole combuste
rispetto a che ne bruciassi 1, questa è logica non cazzate. Tu continua a
vivere nel pianeta GM-Shell.
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
Post by Paolo Tramannoni
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
No, che non si sprechi e inquini per costruirne nuove e smaltire le
"vecchie" (rigorosamente tra virgolette, visto che vedo girare auto di
40
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
anni e quindi non capisco come possa essere definita vecchia e gettata
una
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
di 10), sicuramente MOLTO più di quanto avrebbero inquinato circolando fino
alla vera fine dei loro giorni (e non la fine modaiola).
Purtroppo il mondo si basa sull' economia, e tutti i discorsi sugli scarichi
delle auto utilizzano la scusa dell' inquinamento per scopo di lucro.
Non
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
si
vedrebbe alternativamente il motivo della tolleranza di veicoli
superflui
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
quali ad esempio i suv, sicuramente più inquinanti di una 2cv. Non me ne
frega niente di marmitte e euro 4. + consumo=+inquinamento, è logica,
non
Post by Ernesto
Post by Rodolfo
stechiometria.
SuperMario
2006-10-22 09:16:42 UTC
Permalink
Post by Rodolfo
Tu invece ne capisci? Ripeto che non me ne frega niente di marmitte
catalitiche ecc, che sono solo minimi palliativi. Se io brucio 2 litri di
benzina credo proprio che per logica creerò il doppio di molecole combuste
rispetto a che ne bruciassi 1, questa è logica non cazzate.
Lo pensi seriamente o sei solo un idiota ?

Ciao

SuperMario
F.Bertolazzi
2006-10-22 18:03:42 UTC
Permalink
Post by SuperMario
Lo pensi seriamente o sei solo un idiota ?
Così a naso non sembra che sia lui l'idiota.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
Ernesto
2006-10-23 16:32:29 UTC
Permalink
grazie,è meglio non perdere tempo con chi non capisce.
Post by F.Bertolazzi
Post by SuperMario
Lo pensi seriamente o sei solo un idiota ?
Così a naso non sembra che sia lui l'idiota.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
F.Bertolazzi
2006-10-21 07:08:04 UTC
Permalink
Post by Paolo Tramannoni
Io, da buon ecologista penso che è meglio che ci siano molte
auto vecchie in circolazione
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
E' vero che inquinano di più, ma mica poi tanto.

Il catalizzatore funziona solo a 600 gradi, temperatura per raggiungere la
quale occorrevano (non ho dati aggiornati agli ultimi modelli) 17 minuti.
Dato che il percorso urbano medio è all'incirca dello stessa durata, i
catalizzatori, anche quando presenti, servono ad assai poco, almeno in
città.

E' poi vero che un'auto a carburatore, guidata dissennatamente
(accelerazioni violente), libera parecchi idrocarburi non combusti, ma,
quadruplicando il prezzo della benzina, si risolverebbe anche questo
problema.

Comunque solo l'inquinamento dato dalla produzione di energia per raffinare
i materiali (l'alluminio viene ottenuto per elettrolisi di una roccia
*fusa*) e lavorarli (avete presente un laminatoio od una pressa idraulica?)
necessaria per fabbricare una nuova auto è notevole.

Questo senza contare cose tipo vernici e materie plastiche ad alta
resistenza che vengono prodotte e non sempre vengono smaltite
correttamente.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
Mario
2006-10-21 07:58:53 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
Comunque solo l'inquinamento dato dalla produzione di energia per
raffinare i materiali e lavorarli
Nella mia ignoranza, penso sempre a questa cosa quando sento quelli che
vogliono costringere i poveracci a rottamare le loro Uno anni '80.
Consideriamo che sono auto che fano pochissimi km. Un'auto di 20 anni in
mano a chi fa più di 20.000 km all'anno avrebbe più di 400.000 km, è
matematica elementare. Non credo che quelle vecchie utilitarie che si
vedono in giro abbiano tutte un chilometraggio simile.
Conosco personalmente gente che con la loro vecchia macchinina non fa più di
2000 km l'anno (a quel punto costerebbe meno andare in taxi, ma vabbè...)
Ora, ammesso che inquinino tanto di più, è mai possibile che il processo di
smaltimento auto vecchia + fabbricazione auto nuova produca meno
inquinamento della differenza tra quello prodotto dall'auto vecchia e
quello prodotto dall'auto nuova in 5 anni?
Metto 5 anni perché, a giudicare dalle auto coinvolte dai blocchi del
traffico, mi sembra che sia quella la durata media dell'auto desiderata dai
nostri governanti.

Ci parlano tanto di riutilizzo e poi ci spingono a rottamazioni che
producono 1 tonnellata di rifiuti altamente inquinanti e solo parzialmente
riciclabili.

Rimango perplesso...
piotr
2006-10-21 10:07:46 UTC
Permalink
Post by Mario
Post by F.Bertolazzi
Comunque solo l'inquinamento dato dalla produzione di
energia per raffinare i materiali e lavorarli
Nella mia ignoranza, penso sempre a questa cosa quando
sento quelli che vogliono costringere i poveracci a
rottamare le loro Uno anni '80. Consideriamo che sono
auto che fano pochissimi km. Un'auto di 20 anni in mano a
chi fa più di 20.000 km all'anno avrebbe più di 400.000
km, è matematica elementare. Non credo che quelle vecchie
utilitarie che si vedono in giro abbiano tutte un
chilometraggio simile. Conosco personalmente gente che
con la loro vecchia macchinina non fa più di 2000 km
l'anno (a quel punto costerebbe meno andare in taxi, ma
vabbè...) Ora, ammesso che inquinino tanto di più, è mai
possibile che il processo di smaltimento auto vecchia +
fabbricazione auto nuova produca meno inquinamento della
differenza tra quello prodotto dall'auto vecchia e quello
prodotto dall'auto nuova in 5 anni? Metto 5 anni perché,
a giudicare dalle auto coinvolte dai blocchi del
traffico, mi sembra che sia quella la durata media
dell'auto desiderata dai nostri governanti.
Il "cittadino" italiano ideale e' quello che compra un'auto
Fiat nuova ogni due anni (->incentivi), per poi lasciarla in
garage, rottamando la vecchia, e per poi pagarci sopra, dopo
i due anni, piu' tasse possibile (che verranno appositamente
inventate ex-novo ogni volta).
La legislazione coercitiva e' tutta tesa, esplicitamente, ad
incoraggiare e premiare questo comportamento.
Post by Mario
Ci parlano tanto di riutilizzo e poi ci spingono a
rottamazioni che producono 1 tonnellata di rifiuti
altamente inquinanti e solo parzialmente riciclabili.
Rimango perplesso...
Figurati io , che ho una Panda del 1988 in garage da anni e
anni che non vendo perche' magari potrebbe servire per
qualche emergenza sanitaria (abito in un posto isolato), con
assicurazione sospesa (vado solo in bici per circa
10.000km/anno, non uso radicalmente nemmeno alcun tipo di
mezzo pubblico), e adesso mi aumentano il bollo perche'
secondo loro inquino... Ah ah ah, ma e' un riso amaro...

A gia', non si puo' legiferare per le eccezioni come me...

Sempre piu' incoraggiante, la vita in questo paese di merda,
dotato in media di un abitante di merda ogni 5000mq, in
aumento.

Parliamoci chiaramente: l'unica cosa che importa a quella
gentaglia sono i soldi, soldi, soldi, e piu' ancora il
potere, il potere, il potere (i soldi tutto sommato sono
solo un veicolo per ottenerlo).

Lo stato, quando troppo occhiuto e regolatore, e' da sempre
e ovunque in mano a minoranze organizzate che lo usano per
il proprio tornaconto.

Il problema e' comunque non solo nelle sedi
istituzionalmente preposte a produrre la legislazione, ma
piu' in piccolo anche nelle chiacchiere da bar: c'e'
qualcuno che non passa una parte della giornata ad
immaginare nuovi vincoli, tasse o regole per tutti quelli
che non si comportano esattamente come lui, o lo
"danneggiano" pur nei modi piu' lievi e fantasiosi?
Marco
2006-10-21 15:27:40 UTC
Permalink
Post by piotr
Il "cittadino" italiano ideale e' quello che compra un'auto
Fiat nuova ogni due anni (->incentivi), per poi lasciarla in
garage, rottamando la vecchia, e per poi pagarci sopra, dopo
i due anni, piu' tasse possibile (che verranno appositamente
inventate ex-novo ogni volta).
La legislazione coercitiva e' tutta tesa, esplicitamente, ad
incoraggiare e premiare questo comportamento.
Ed anche i concessionari, che ti dicono: "sa, oggi si cambia
mediamente l'auto ogni tre anni, quindi noi abbiamo questa offerta
che.. bla bla bla". Io resto zitto ben sapendo di avere la stessa
auto da 17 anni...

Marco
Enrico C
2006-10-21 09:14:40 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
Post by Paolo Tramannoni
Da "buon ecologista", preferisci che ci siano più auto inquinanti in
circolazione?
E' vero che inquinano di più, ma mica poi tanto.
[...]
Post by F.Bertolazzi
Comunque solo l'inquinamento dato dalla produzione di energia per raffinare
i materiali (l'alluminio viene ottenuto per elettrolisi di una roccia
*fusa*) e lavorarli (avete presente un laminatoio od una pressa idraulica?)
necessaria per fabbricare una nuova auto è notevole.
Quello che dici ha senso, però mi viene in mente anche un'altra
considerazione: l'italiano medio (lasciamo perdere le eccezioni)
cambierebbe macchina in ogni caso, per avere quella all'ultima moda, più
"performante", con i nuovi optional, per far colpo sulla fidanzata o sul
capufficio, ecc.
Dunque, se cambia macchina, tanto vale indirizzarlo ad acquistare quelle un
po' meno inquinanti...

xpost
it.discussioni.auto,it.discussioni.energie-alternative,it.scienza.ambiente
--
"CAT-lendario 2007! Oltre 120 mici si sono messi in posa per aiutare gli
a-mici meno fortunati, nello specifico quelli abbandonati."

http://catlendario.blogspot.com/
piotr
2006-10-21 10:07:45 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
E' poi vero che un'auto a carburatore, guidata
dissennatamente (accelerazioni violente), libera parecchi
idrocarburi non combusti, ma, quadruplicando il prezzo
della benzina, si risolverebbe anche questo problema.
E' piu' probabile che i parlamentari si azzerino lo
stipendio, o che un cammello passi dalla cruna di un ago. Un
governo o un parlamento che facessero una cosa del genere
durerebbero due ore, e vorrei anche vedere che potesse
essere diversamente, economicamente la cosa equivarrebbe ad
una serrata dei paesi petroliferi, si bloccherebbe TUTTO.
Comunque io non mi agiterei tanto: basta aspettare.
Vabbe', chiaccherare e' bello, ma sono solo chiacchere.
Quelli hanno l'illusione del potere e del governo, ma sono
solo miserabili strumenti di un destino che non possono
concepire.



Comunque trovate tutti i dati che volete sull'annuario
statistico ACI:

Nel 2005 spesi 151 miliardi di euro per l'acquisto di nuove
vetture

Cresce il numero di auto sulle nostre strade: nel 2005 si e'
registrato un aumento di 500.000 veicoli circolanti in
aggiunta ai 34.700.000 gia' esistenti. Questi i dati
contenuti nell'Annuario Statistico ACI 2006, che conta 2,2
milioni di immatricolazioni di autovetture contro 1,7
milioni di radiazioni nello scorso anno.

Il Rapporto mette in luce il buono stato di salute del
mercato automobilistico sia per il nuovo (+35% delle
immatricolazioni in 20 anni) che per l'usato (3,9 milioni di
passaggi di proprieta' nel 2005 contro i 3,2 del 1999).

La voglia di auto nuova e' particolarmente forte in Val
d'Aosta (+350% immatricolazioni nell'ultimo decennio), nel
Lazio (+154%) e in Campania (+85%); chiudono la graduatoria
regionale il Friuli Venezia Giulia con appena +2% e
l'Umbria, dove le immatricolazioni fanno segnare addirittura
un calo dell'11% negli ultimi dieci anni.

Incrociando i dati delle iscrizioni al PRA con le
radiazioni, si stima in 14 anni la durata media di una
vettura prima della sua rottamazione. Il 34% delle auto in
circolazione ha piu' di 10 anni di eta', ma a destare
preoccupazione sotto il profilo ambientale sono gli 8
milioni di autovetture non catalizzate.

Il legame tra gli italiani e l'automobile e' talmente forte
da giustificare una spesa complessiva per il solo 2005 di
151 miliardi di euro. La voce di spesa piu' consistente e'
rappresentata dall'acquisto dell'auto (51,3 miliardi di
euro), seguita dal carburante (37,1 miliardi), dalla
manutenzione (23,5 miliardi) e dall'assicurazione (16,9
miliardi).

Ma questo legame non e' indissolubile: alcuni segnali di
evoluzione verso una mobilita' piu' razionale e sostenibile si
registrano nei maggiori centri urbani. I primi 8 Comuni
italiani (Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze,
Napoli e Palermo) fanno segnare un calo del parco auto
circolante: nel 1985 si contava in queste citta' il 18,1%
delle auto italiane, oggi la quota scende al 13,8%.

[ndr: non magari perche' e' aumentata enormemente la
popolazione dei sobborghi, sfuggita dal centro soffocato dai
veicoli, popolazione che poi si sposta necessariamente in
automobile, visto che servire con mezzi pubblici un
territorio abitato in modo disperso e' impossibile]

Se questo fenomeno si consolidasse, potremmo avvicinarci
alla media europea di un'auto ogni 2 abitanti. Sulle nostre
strade si conta una vettura ogni 1,7 persone, ma questo
rapporto e' 2,3 in Gran Bretagna e in Spagna, 2,2 in Svezia,
2 in Francia e 1,8 in Germania.

[ndr: gia', solo che nel frattempo anche quest'anno il
numero di autovetture e' cresciuto di 500.000 unita'...
quando si dice perspicacia nell'interpretare i dati
statistici... saranno andati a scuola? Boh! Conteranno di
aumentare la popolazione (gia' siamo ad un abitante per
5000mq) per armonizzare la statistica!]

Consulta online l'Annuario Statistico 2006:
http://www.aci.it/index.php?id=222
Fritz
2006-10-23 16:48:59 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
E' poi vero che un'auto a carburatore, guidata dissennatamente
(accelerazioni violente), libera parecchi idrocarburi non combusti, ma,
quadruplicando il prezzo della benzina, si risolverebbe anche questo
problema.
Ci vorrebbero anche delle serie revisioni e non delle formalità tanto
per intascare i soldi. Domenica ho avuto davanti per una decina di
chilometri una marbella che faceva un fumo grigio azzurro e una puzza
nauseante costringendomi a tenere il ricircolo attivo, era quasi
meglio avere davanti un Diesel.
Vantaggio delle auto nuove è che non risentono della scarsa
manutenzione che i proprietari normalemnte fanno almeno per i primi
anni ed inoltre in molti casi c'è quasi un'obbligo nel fare i
tagliandi (motore più curato, funziona meglio e inquina meno).

Ciao
--
Fritz

Togli *ERASE* per rispondere in e-mail.
R.L. Deboni
2006-10-21 15:41:20 UTC
Permalink
C'e' inquinamento e ci sono emissioni di CO2.

Un'auto vecchia inquina.
Un'auto nuova richiede una certa emissione di CO2 per l'energia
richiesta nella sua produzione (ed una certa quota di inquinanti, anche
se minore - in proporzione - di quella di un veicolo, dato che le
centrali termoelettriche sono (o dovrebbero) essere munite di sistemi di
filtraggio decisamente migliori.

Secondo la Volvo:

http://www.volvocars.com/corporation/Sustainability/SustainabilityScorecard/CarbonDioxideEmissions.htm

le emissioni di CO2 della produzione di un'auto sono paragonabili alle
emissioni di una Volvo S60 che percorre 1500 km.

Auto vecchia, punti a favore (dal punto di vista ecologico):

a) permette di risparmiare le emissioni di CO2 della produzione di una
nuova auto

Auto vecchia, punti a sfavore:

b1) tendenzialmente produce piu' inquinanti per chilometro percorso
b2) in genere consuma piu' carburante, ergo produce piu' CO2 a pari
chilometraggio di un'auto attuale

Viceversa per un'auto nuova.

Ipotesi esemplificativa: l'auto vecchia consuma 10 litri/100 km. Un'auto
attuale di pari cilindrata, con i vari accorgimenti per aumentare
l'efficienza, consuma 6,6 litri/100 km.

Questo si traduce che a pari chilometraggio, l'auto vecchia produce
circa il 50% in piu' di CO2, ovvero un'auto nuova, produce tanto CO2
come se quella vecchia circolasse la meta' dei chilometri.

Supponiamo che chi ha l'auto vecchia c'e' l'ha perche' fa poca strada,
Ad esempio 1500 km all'anno.

Ebbene, che cosa succede se cambiasse l'auto con una moderna e facesse
ugualmente 1500 km all'anno ?
Che riduce di meta' le emissioni di CO2, come se con quella vecchia
percoresse 750 km all'anno.
Ma d'altra parte sappiamo che le emissioni di CO2 dell'auto vecchia per
750 km sono pari a quella di un'auto nuova per 1500 km (prendendo per
buoni i valori dei consumi indicati come esempio). E la Volvo ci dice
che corrisponde al costo emissivo della fabbricazione di una vettura.

Percio' si conclude che le emissioni di CO2 corrispondenti alla
produzione di una vettura nuova sono recuperate con la riduzione di CO2
gia' nel primo anno rispetto alla vettura vecchia e questo gia' con una
percorrenza di 1500 km all'anno.

Bonus addizionale: l'auto nuova produce meno NOx, meno particolato, meno
composti organici ... etc etc etc.

In quanto al riciclo della vecchia vettura, l'inquinamento relativo
dipende fortemente dal processo. Se ad esempio di bruciano le gomme e le
plastiche e ovvio che si hanno emissioni dannose elevate. Se invece
vengono utilizzate nei processi industriali per produrre nuove materie
prime, come minimo il bilancio inquinante e' paritario rispetto alle
emissioni risparmiate dalla materia prima rimpiazzata da quella riciclata.

Percio', anche se ero partito in un'ipotesi di condivisione di "usato e'
bello", con i dati trovati ed i calcoli fatti sono arrivato alla
conclusione opposta. Mi dispiace :-(

Altra obbiezione (la vera scusa ?) potrebbe essere che non tutti hanno i
soldi per cambiare l'auto.
Se restiamo nell'ipotesi di cui sopra, con l'auto vecchia e 1500
km/anno, il tizio consuma 150 litri cioe' 180 euro all'anno. Se
cambiasse auto, i consumi scenderebbero a 100 litri, cioe' 120 euro
all'anno. Con l'auto nuova, il risparmio sarebbe di 80 euro/anno.
Se un'auto costa 12000 euro, gli ci vogliono 150 anni ...
Ma se percorre 15000 km/anno, gli basterebbero 15 anni ... (si fa per
dire).

In altre parole, per chi i soldi non li ha, l'opzione non esiste.
Chi ha l'auto vecchia e' costretto ad inquinare perche' uno scarso
chilometraggio percorso non rende in alcun modo conveniente il cambio
della vettura. E questo spiega chiaramente perche' nel Sud il parco
macchine e' vetusto.

Soluzione "ecologica" ? Occorre aumentare il chilometraggio percorso
dalle vetture mettendole in condivisione (dieci persone condividono
l'auto ?) oppure servizi di noleggio convenzionati forniti dagli enti
locali (un car-pooling a livello comunale ?) oppure rivolgendosi al
trasporto pubblico (un modo indiretto di farlo). In altre parole, tenere
un'auto per fare 1500 km all'anno dovrebbe costare cosi' tanto da non
essere piu' conveniente. Se non vengono modificate le condizioni,
continueranno a circolare vetture inquinanti e "sprecone" di benzina.

R.L.Deboni
Post by Rodolfo
Io solo una cosa non riesco a capire: cosa è bene e cosa è male? Io, da buon
ecologista penso che è meglio che ci siano molte auto vecchie in
circolazione, mentre invece secondo l' opinione pubblica (ovvero voi) è
meglio il contrario. Il mondo è proprio nato capovolto.
piotr
2006-10-21 17:52:01 UTC
Permalink
Post by R.L. Deboni
http://www.volvocars.com/corporation/Sustainability/SustainabilityScorecard/CarbonDioxideEmissions.htm
le emissioni di CO2 della produzione di un'auto sono
paragonabili alle emissioni di una Volvo S60 che percorre
1500 km.
Sara'... Guarda che sul sito c'e' scritto "Data were
collected from the car production / assembly plants owned by
Volvo Cars in Sweden, Belgium, Thailand and Malaysia, with
Göteborg and Ghent as the predominant locations. The figures
include both heating and electricity consumption. The
figures refer to actual emissions."
Mi sa che si riferiscono alle sole operazioni di
assemblaggio e lavorazione meccanica finale, che sono di
certo le meno onerose in termini energetici, anche se
comprendono pure il costo energetico della carta igienica
dei gabinetti degli operai.
Su un'automobile volvo in media c'e' una tonnellata di
metalli vari: ti pare ragionevole che la loro lavorazione
dalla miniera al concessionario (ma anche il solo riciclo)
richieda l'impiego di soli 150 litri di petrolio
equivalente? (assumiamo questa quantita' utile a percorrere
1500km)
A meno che tutta l'energia non sia ricavata da impianti
nucleari. Allora per quanto riguarda il solo co2 possiamo
anche ragionare. Non credo comunque che gli ecologisti
sarebbero molto contenti, se informati di questo fatto. E
poi anche l'uranio deve essere pur estratto e lavorato.
Con 150 litri di petrolio se ti va molto bene fai forse 50
kg di plastica grezza, e su un'automobile moderna ce ne sono
MOLTI di piu'.
Credo che il ragionamento sia smaccatamente truffaldino.
Certo che a prendere in giro gente che non si accorge
nemmeno della assurdita' di queste cifre fanno anche bene.
Enrico C
2006-10-21 18:32:09 UTC
Permalink
Post by piotr
Con 150 litri di petrolio se ti va molto bene fai forse 50
kg di plastica grezza, e su un'automobile moderna ce ne sono
MOLTI di piu'.
E se ricicli quella della macchina vecchia?
--
"CAT-lendario 2007! Oltre 120 mici si sono messi in posa per aiutare gli
a-mici meno fortunati, nello specifico quelli abbandonati."

http://catlendario.blogspot.com/
P52
2006-10-21 18:57:52 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Post by piotr
Con 150 litri di petrolio se ti va molto bene fai forse 50
kg di plastica grezza, e su un'automobile moderna ce ne sono
MOLTI di piu'.
E se ricicli quella della macchina vecchia?
Riciclare il PU che compone la gran parte delle plastiche ed
imbottiture interne...la vedo dura

IMHO resta il fatto che questa iniziativa inserita nella finanziaria
sia il contentino di Prodi per LCM

Altra considerazione una UNO 45 del 1985 pesava meno di 800kg e faceva
tranquillamente 15-16 km/lt (di benzina)! Km reali e non quelli dei
depliant. Ho una Laguna TD per la quale sono dichiarati sul libretto di
circolazione consumi che sarebbero possibili solo su autostrade
deserte. La massa delle attuali autovetturi difficilmente scende al di
sotto di 1,1-1,2 T per attestarsi su 1,3-1,5T delle vetture "medie";
accelerare questi pesi massimi comporta uno spreco di combustibile
pauroso. Il PC di bordo, nella partenza da freddo e senza particolari
affondi del gas, segna fino a 16-18 lt/100km, 20-24 lt/100km se vuoi
prendere velocità rapidamente come esige il traffico.

ciao P.
Enrico C
2006-10-22 23:36:08 UTC
Permalink
Post by P52
Post by Enrico C
Post by piotr
Con 150 litri di petrolio se ti va molto bene fai forse 50
kg di plastica grezza, e su un'automobile moderna ce ne sono
MOLTI di piu'.
Un centinaio di Kg di plastica di media, secondo
http://www.matrec.it/strumenti/newsletter/Mensili_newsletter/numero_4.htm#2
Post by P52
Post by Enrico C
E se ricicli quella della macchina vecchia?
Riciclare il PU che compone la gran parte delle plastiche ed
imbottiture interne...la vedo dura
Il PU rappresenta solo un quinto delle plastiche in un'auto, di media,
secondo la fonte di cui sopra.
piotr
2006-10-23 08:23:01 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Post by piotr
Con 150 litri di petrolio se ti va molto bene fai forse 50
kg di plastica grezza, e su un'automobile moderna ce ne sono
MOLTI di piu'.
Un centinaio di Kg di plastica di media, secondo
http://www.matrec.it/strumenti/newsletter/Mensili_newsletter/numero_4.htm#2
Con questi dati la vedo dura per il riciclaggio.

E la situazione rimane uguale qualsiasi sia il prezzo della
materia prima, se l'energia per la *completa* effettuazione
del processo e' comunque ricavata dagli idrocarburi stessi.

Ma lo scopo vero del riciclaggio alla fine e' quello di
rendere piu' complesso il nostro mondo, e quindi creare
nuove "nicchie ecologiche" per intelligenti opportunisti,
che non sanno cio' che fanno al di la' del qui ed ora.

Del resto priorita' assoluta del nostro vivere sociale
ipercomplesso, costituito da decine, centinaia di migliaia
di tipi di figure specialistiche, e' dare ad ognuna di esse
ragione di essere, spostando il problema da risolvere un po'
piu' in la', complicandolo ulteriormente.

La legislazione stessa promuove coercitivamente e
incessantemente questo processo, portando verso un futuro
collasso sempre e comunque, che si sposta piu' in la' nel
tempo al solo scopo di essere piu' apocalittico, volendo
assumere un'indebito atteggiamento teleologico.

Rozzamente, perche' l'informazione che governa il caos di
azioni e retroazioni della nostra economia e' spalmata su
tutto il sistema stesso, e non e' MAI a disposizione dei
cosiddetti "governanti", che non a caso quando agiscono
coercitivamente (cioe' quando agiscono tout court), a causa
della incoercibile retroazione del sistema, *quasi sempre*
ottengono risultati esattamente contrari a cio' che
vorrebbero. (i patetici e alla fine solo per questo quasi
simpatici "governi" del nostro paese esemplificano al
meglio la questione, ma negli altri non e' diverso)

Basta guardare le curve relative.

E' la vita.
piotr
2006-10-22 07:45:53 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Post by piotr
Con 150 litri di petrolio se ti va molto bene fai forse 50
kg di plastica grezza, e su un'automobile moderna ce ne sono
MOLTI di piu'.
E se ricicli quella della macchina vecchia?
Probabilmente il consumo energetico e' maggiore.
La plastica si produce dal petrolio con processi
estremamente efficienti: potrei sbagliarmi o ricordare male,
ma su un vecchio "le scienze" si diceva che riciclare un kg
di plastica richiede un costo energetico complessivo di 4 kg
di petrolio equivalente, mentre produrlo ex-novo solo 2 kg.

Le societa' arrivano ad un punto in cui si impiccano con la
stessa corda che credono di usare per salvarsi.

Per deficienza e infantilismo dei loro componenti, che
scambiano le loro credenze e i loro desideri con la triste
realta'.
Enrico C
2006-10-22 23:45:27 UTC
Permalink
Post by piotr
Post by Enrico C
E se ricicli quella della macchina vecchia?
Probabilmente il consumo energetico e' maggiore.
La plastica si produce dal petrolio con processi
estremamente efficienti: potrei sbagliarmi o ricordare male,
ma su un vecchio "le scienze" si diceva che riciclare un kg
di plastica richiede un costo energetico complessivo di 4 kg
di petrolio equivalente, mentre produrlo ex-novo solo 2 kg.
Forse dipende dal tipo di plastica, dall'efficienza del sistema di
raccolta, e se ci sono impurezze o meno (?)


Lo chiedo perché un sito del WWF indica valori molto diversi, ma riferiti
appunto a una situazione "con piccole quantità di impurezze", e senza
includere la raccolta e il trasporto dei materiale da riciclare (ma forse
sarebbe possibile avvicinarsi a questa situazione "ideale" per le plastiche
delle auto, con un po' di organizzazione?)

| OPERAZIONE
| COSTO ENERGETICO
|
| Riciclaggio plastiche con piccole quantità di impurezze
| 22 MJ/Kg
|
| Produzione di nuove plastiche da risorse esauribili
| 86 MJ/Kg
|
| Energia risparmiata riciclando le plastiche come materia ad alto contenuto di energia
| 64 MJ/Kg


http://www.wwfroma11.it/stili%20di%20vita/raccodiff/plastica.htm
F.Bertolazzi
2006-10-23 01:43:03 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Lo chiedo perché un sito del WWF indica valori molto diversi,
Ma che strano... Forse è perché non sanno una minchia del loro campo (che
dovrebbe essere la fauna selvatica) ed allora vengono ad ammorbarci con le
loro cagate anche in altri campi?

Ormai sono peggio dei testimoni di Geova. Li detesto, come detesto i nostri
verdi, perché sono solo dei burattini esagitati ed ignoranti, che
degradano, con le loro azioni, quella che sarebbe una crociata sacrosanta
ad un teatrino di strilloni. Il risultato netto finale ottenuto da queste
merdacce è qualche poltrona (tipo quello schifoso di rutelli) e troppe
politiche sbagliate ed antiecologiche.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
Enrico C
2006-10-23 02:45:43 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
Post by Enrico C
Lo chiedo perché un sito del WWF indica valori molto diversi,
Ma che strano...
Non è strano. Il motivo lo spiegano loro stessi: in quei valori non hanno
incluso raccolta, separazione e trasporto, e presuppongono "piccole
quantità di impurezze". Se invece si includono quei costi, il riciclaggio
della plastica non è conveniente.
Lo stesso WWF parla di "bluff del riciclaggio della plastica" a proposito
della raccolta differenziata nelle campane multimateriale a Roma, per
esempio.
http://www.wwf.it/Lazio/documenti/pag_rifiuti_plastica.asp

Tuttavia, la *mia* domanda è se, nel caso particolare dei materiali delle
automobili non si possa organizzare la raccolta e il riciclo in modo
ottimale, per esempio grazie a una progettazione ad hoc delle automobili e
prevedendo la riconsegna a fine vita alle stesse aziende produttrici (?),
in modo da avvicinarsi a quelle condizioni "ideali": minime impurita,
minimi costi di raccolta, separazione e trasporto..., che forse
renderebbero conveniente il riciclo della plastica.
--
"CAT-lendario 2007! Oltre 120 mici si sono messi in posa per aiutare gli
a-mici meno fortunati, nello specifico quelli abbandonati."

http://catlendario.blogspot.com/
F.Bertolazzi
2006-10-23 12:08:02 UTC
Permalink
Post by Enrico C
minime impurita,
minimi costi di raccolta, separazione e trasporto..., che forse
renderebbero conveniente il riciclo della plastica.
Se ti leggessi qualche articolo su come sono fatte, a livello molecolare,
le materie plastiche, ti risponderesti da solo. Ad esempio quelle che gli
imbecilli in malafede chiamano "impurità" scommetto che sono giusto quegli
atomi di cloro, fluoro ed altri elementi che tengono insieme la massa di
spaghetti che è una resina plastica.

Il problema è lo stesso della carta riciclata: per riciclarla devi
sminuzzare le fibre lunghe che sono quelle che danno le desiderate
proprietà meccaniche. In uscita hai sempre e solo una poltiglia di fibre
corte con proprietà meccaniche scadentissime, utilizzabile solo come
riempitivo.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
Enrico C
2006-10-23 13:19:09 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
Post by Enrico C
minime impurita,
minimi costi di raccolta, separazione e trasporto..., che forse
renderebbero conveniente il riciclo della plastica.
Il problema è lo stesso della carta riciclata: per riciclarla devi
sminuzzare le fibre lunghe che sono quelle che danno le desiderate
proprietà meccaniche. In uscita hai sempre e solo una poltiglia di fibre
corte con proprietà meccaniche scadentissime, utilizzabile solo come
riempitivo.
Che ci sia un decadimento delle proprietà mi pare chiaro, ma ciò non
impedisce l'impiego delle plastiche riciclate in alcuni settori...
Post by F.Bertolazzi
imbecilli in malafede
Visto che ti accanisci contro il WWF (che c'entra nulla nella nostra
discussione, se non che in una loro pagina sui rifiuti urbani vengono
riportati alcuni dati sui costi energetici del riciclo), nota che non si
propone affatto il riciclo come panacea, ma invece di "evitare il più
possibile di utilizzare prodotti con imballaggi in plastica", visto che "Il
riciclo della plastica diventa economicamente non vantaggioso se si
computano i costi di raccolta e trasporto".
F.Bertolazzi
2006-10-23 13:39:06 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Visto che ti accanisci contro il WWF
A dire il vero sempre e solo in risposta a corbellerie che tu riporti.

Certo non mi sogno di andare sul loro sito per leggere le stronzate che
sparano. Non vi basta l'esempio der Piacione per capire che tutte queste
nobili associazioni (perfino Amnesty, sigh!, l'unica che, al contrario di
tutte queste organizzazione uman-animal-itarie si proponeva un obiettivo
giusto, fattibile e niente affatto utopico) sono ormai solo un trampolino
di lancio per politici di pochi scrupoli?
Post by Enrico C
nota che non si
propone affatto il riciclo come panacea, ma invece di "evitare il più
possibile di utilizzare prodotti con imballaggi in plastica"
Appunto. Ed allora perché parlarne?

Io sono ferocemente contro il riciclaggio perché non solo fa più danno di
quanto ne ripari (mi fa piacere che anche il WWF lo riconosca), ma
soprattutto dà una falsa coscienza pulita a tutti quelli che non
selezionano i prodotti che acquistano in base agli imballaggi.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
Enrico C
2006-10-23 14:21:19 UTC
Permalink
Post by F.Bertolazzi
Post by Enrico C
Visto che ti accanisci contro il WWF
A dire il vero sempre e solo in risposta a corbellerie che tu riporti.
E quali sarebbero 'ste corbellerie? Il fatto di parlare di "impurità" nella
plastica da raccolta differenziata dei rifiuti urbabi? Hai mai visto una
campana di raccolta multimateriale a Roma? Ci finisce di tutto, non solo
perché sono multimateriale, ma anche per l'abuso da parte di di chi le usa!
:-(
Post by F.Bertolazzi
Certo non mi sogno di andare sul loro sito per leggere le stronzate che
sparano.
Prima di criticare a fucile spianato, mi sembrerebbe il minimo capire
*cosa* dicono. Quella pagina denuncia il "bluff del riciclo della plastica"
a Roma, non sei d'accordo?
Post by F.Bertolazzi
Non vi basta l'esempio der Piacione per capire che tutte queste
nobili associazioni (perfino Amnesty, sigh!, l'unica che, al contrario di
tutte queste organizzazione uman-animal-itarie si proponeva un obiettivo
giusto, fattibile e niente affatto utopico) sono ormai solo un trampolino
di lancio per politici di pochi scrupoli?
Ma che ci frega mò delle associazioni? Si parlava di riciclo, non riciclo,
con quali costi.
Post by F.Bertolazzi
Post by Enrico C
nota che non si
propone affatto il riciclo come panacea, ma invece di "evitare il più
possibile di utilizzare prodotti con imballaggi in plastica"
Appunto. Ed allora perché parlarne?
Perché, ipotizzavo (magari sbagliando, comunque è una mia domanda, non
c'entra il WWF), che una vettura progettata ad hoc con regole di
conferimento a fine vita ben congegnate potesse ridurre al minimo quei
costi aggiuntivi di raccolta, trasporto e separazione, rispetto al sistema
della raccolta differenziata dei rifiuti urbani e, per le auto, rispetto
all'attuale sistema della rottamazione casuale presso autodemolitori.
Post by F.Bertolazzi
Io sono ferocemente contro il riciclaggio perché non solo fa più danno di
quanto ne ripari (mi fa piacere che anche il WWF lo riconosca), ma
soprattutto dà una falsa coscienza pulita a tutti quelli che non
selezionano i prodotti che acquistano in base agli imballaggi.
Su questa conclusione generale si può essere d'accordo, mi pare: io, tu e
il WWF. :-)

Però resta il problema di cosa fare della fuffa plasticosa in milioni di
autovetture a fine vita. Se una migliore progettazione e organizzazione
rendesse più conveniente il riciclo, anziché scaricare in discarica o
bruciare, la cosa andrebbe valutata nel concreto per capire meglio.

Per esempio mi pare che per la Saxo Citroen si faccia un discorso del
genere

Solo marketing?


http://www.isinet.it/greenworld/muovi/vetture/citroen.htm

| Saxo: una proposta Citroen per tutelare l'ambiente
|
| Riciclaggio dei materiali


| Tutti i materiali nocivi per l¹ambiente sono stati attualmente eliminati.
| Nel caso della Saxo, uno dei criteri generali alla base della
| progettazione è stata la propensione al riciclaggio. La Saxo è composta
| per il 75% da metalli, tutti riciclabili, il 12% di materie plastiche e
| il 13% di vetro, gomma, tessuti, vernici... I materiali inquinanti come
| l¹amianto sono stati eliminati.


| Riciclaggio dei metalli


| L¹insieme dei metalli può essere recuperato o riciclato, e soprattutto i
| metalli di valore: alluminio delle testate e dei blocchi cilindri...,
| rodio e platino dei filtri delle marmitte catalitiche. Dal 1991, la PSA
| Peugeot Citroën sviluppa soluzioni di riciclaggio dei pezzi od organi
| usati dei veicoli alla fine del loro ciclo di vita, in collaborazione
| con un industria di ritrattamento dei metalli, la CFF e un grande
| consumatore di energia, il cementificio Vicat.


| Riciclaggio delle materie plastiche


| Scelte per ragioni di stile, di sicurezza o di manutenzione, le materie
| plastiche sono utilizzate anche per motivi ecologici: minor peso e
| quindi consumo ridotto e minor inquinamento. La Saxo racchiude più di
| 200 pezzi riciclabili. Il metodo di riciclaggio differisce a seconda che
| essi appartengano alla famiglia dei termoplastici (80%) o dei
| termoindurenti (20%). Così, in vista del loro riciclo, tutti i pezzi
| plastici montati sulla Saxo sono marcati in modo specifico per poter
| distinguere la famiglia di appartenenza.


| Per facilitarne il riciclaggio, oltre alla marcatura, i materiali
| riciclabili sono stati attentamente studiati da parte dei tecnici in
| fase di studio, per quello che riguarda i seguenti campi:
|
| * Progettazione di sotto-insiemi facilmente smontabili e riciclabili
|
| * Standardizzazione dei materiali per grandi funzioni:


| o poliammide per i pezzi sotto il cofano


| o polipropilene per i paraurti e i pezzi di assorbimento degli urti
|
| * Utilizzo privilegiato di termoplastiche facilmente trasformabili e
| riciclabili:


| o polipropilene per i pezzi stampati: plancia, allestimento interno


| o polietilene per i pezzi soffiati o estrusi: serbatoio
|
| * Controllo del riciclaggio di materiali quali i termoindurenti:


| o ripiano posteriore, frantumato, serve come carica per la fabbricazione
| di altri ripiani con lo stesso livello qualitativo


| o poliuretano dei sedili, riformulato e riutilizzato
|
| * Utilizzo crescente di materiali naturali "biodegradabili": alcune
| insonorizzazioni...
F.Bertolazzi
2006-10-23 17:34:33 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Però resta il problema di cosa fare della fuffa plasticosa in milioni di
autovetture a fine vita.
Ad esempio non incentivarne la demolizione anticipata per dare un euro alla
Fiat e quattro a Tedeschi, Francesi e Coreani.
Post by Enrico C
Se una migliore progettazione e organizzazione
rendesse più conveniente il riciclo, anziché scaricare in discarica o
bruciare, la cosa andrebbe valutata nel concreto per capire meglio.
Certamente. Rispolvero, per risponderti, una mia precedente sign.
Post by Enrico C
| Saxo: una proposta Citroen per tutelare l'ambiente
|
| Riciclaggio dei materiali
| Tutti i materiali nocivi per l¹ambiente sono stati attualmente eliminati.
Scusami, ma non voglio leggere un documento che esordisce così.

Mi sono già iniziate a girare le palle, ho già dei clienti che lo fanno, ma
mi pagano. E pure quella stronza della fidanzata, che però me la da ed
anche di molto bene. Tu cosa mi offri? ;-)

Solo marketing? Scommetto di sì.
Solo un'ulteriore pulizia alla coscienza dei clienti Citroen? Mi sa.
--
"Quella troia di tua sorella" (c)
Sistema testato per eliminare le teste di cazzo.
Fabio B.
2006-10-21 19:12:15 UTC
Permalink
Post by R.L. Deboni
Ipotesi esemplificativa: l'auto vecchia consuma 10 litri/100 km. Un'auto
attuale di pari cilindrata, con i vari accorgimenti per aumentare
l'efficienza, consuma 6,6 litri/100 km.
SE! Ma non è così ovviamente ...dove l'hai letta sta baggianata?
Al massimo l'auto nuova cosnuma di piu' non di meno! (addirittura con una
differenza del 34% miticooo!!!)

Le auto nuove con climatizzatori , stereo, ABS, computer, navigatore....anti
qua e la ecc...

Puo' essere che quel tipo di auto...facesse piu' schifo delle altre e
l'hanno migliorata ma non è la norma.
kostantino
2006-10-21 00:23:36 UTC
Permalink
Post by wyattearp
spesso mi capitadi leggere o sentire che l'italia ha il parco auto
circolante trae i piu' vecchi d'europa: guardandomi intorno (toscana)
mi viene da pensare che quelli che fanno le statistiche si siano bevuti
il cervello:molti mi fanno notare pero' che questo risultato è dato
dalla media del centro-nord che ha un parco abbastanza recente ed il
sud che ha un circolante molto vecchio: non essendoci mai stato vi
chiedo: è vera 'sta cosa?
Negli ultimi mesi ho girato parecchio nel sud, e devo dire che la situazione
mi è parsa mista, ovvero si vede una promiscuità di modelli vecchi e nuovi
per le strade, quello che li accomuna è che sono quasi la totalità
utilitarie, veramente troppe, le auto serie direi che sono mosche bianche,
tutte nascoste? mah...
Costantino
Mirko
2006-10-21 10:58:53 UTC
Permalink
Post by wyattearp
sud che ha un circolante molto vecchio: non essendoci mai stato vi
chiedo: è vera 'sta cosa?
Le auto relativamente recenti che vedo sono pochine in effetti...sarà che
non si trova lavoro e mancano i soldi per comprarle
Continua a leggere su narkive:
Loading...